Le tariffe di importazione dei beni di consumo giornalieri sono state ridotte a partire dal 1 ° luglio

- Jun 29, 2018-

Le tariffe di importazione dei beni di consumo giornalieri sono state ridotte a partire dal 1 ° luglio

Annuncio della Commissione delle tariffe doganali del Consiglio di Stato sulla riduzione dei dazi sulle importazioni di beni di consumo

Annuncio della Commissione Tributaria [2018] n. 4

Al fine di soddisfare ulteriormente le esigenze della vita migliore delle persone, promuovere la riforma strutturale dell'offerta e ampliare attivamente l'apertura, dal 1 ° luglio 2018, l'aliquota più favorita dalla nazione di alcuni beni di consumo importati è stata ridotta, e 1449 voci fiscali sono coinvolte. Dal momento che l'aggiustamento delle aliquote fiscali della nazione più favorita, dal 1 ° luglio 2018, le 210 tariffe doganali della nazione più favorita per i prodotti di importazione sono state abolite e il resto dell'aliquota di dazio provvisorio della MFN continua ad essere applicata. Il riadeguamento di specifiche aliquote fiscali e fiscali è allegato all'allegato.

Questo è annunciato.

Lettura veloce:

L'ulteriore riduzione delle tariffe di importazione sui beni di consumo favorisce l'apertura più ampia al mondo esterno e il soddisfacimento dei bisogni delle masse.

Dal 1 ° luglio di quest'anno, l'aliquota media dei dazi all'importazione per abbigliamento, scarpe, cappelli, cucine e prodotti per il fitness sportivo è diminuita dal 15,9% al 7,1%.

La tariffa media delle tariffe di importazione per lavatrici, frigoriferi e altri elettrodomestici è scesa dal 20,5% all'8%.

La tariffa media dei prodotti importati come acquacoltura, prodotti ittici acquatici e acqua minerale sarà ridotta dal 15,2% al 6,9%.

La tariffa media dei prodotti per il lavaggio e la cura della pelle, i parrucchieri e altri cosmetici e alcuni prodotti medici e sanitari sono diminuiti dall'8,4% al 2,9%.

I dipartimenti interessati dovrebbero attuare le misure di riduzione fiscale per impedire l'aumento dei profitti da collegamenti intermedi e favorire i consumatori e promuovere la competitività delle industrie nazionali.